Spazi di casa: come organizzarli al meglio

Gli spazi di casa non sembrano mai sufficienti, soprattutto quando ci sono dei bambini. In ogni casa c’è sempre più necessità di spazi.

Spazi di casa come organizzarli al meglio

Spesso questa necessità  è indipendente da quanto sia piccolo l’appartamento o la villa.

Tutti noi cerchiamo sempre più spazio. Affinché le nostre case possano essere più accoglienti e comode.

Per affrontare in maniera efficace questa necessità dobbiamo lavorare su due livelli.

Soprattutto se la nostra casa o appartamento non sono particolarmente grandi:

  1. Primo livello: passare dal disordine all’ordine
  2. Secondo livello: accorgimenti per guadagnare o risparmiare spazio nei vari locali

Ordine e disordine

Il concetto di ordine è estremamente personale. Varia molto da individuo a individuo. Perché il carattere, le esigenze e lo stile di vita sono profondamente diverse.

Ci sono persone che nel caos trovano ogni cosa. Questo non è disordine.

L’ordine e il disordine non hanno nulla a che vedere con la bellezza e l’armonia visiva.

Il vero disordine è l’incapacità di trovare ciò che ci serve nel momento in cui ne abbiamo davvero bisogno.

Quindi avere la casa in ordine non vuol dire avere dei bei interni senza troppo materiale in giro. Vuol dire avere una casa in cui le nostre cose sono organizzate in modo tale che quando sono necessarie le troviamo subito.

L’ordine è la capacità di organizzare lo spazio in modo strategico per le nostre esigenze.

Cosa non facile, che necessita di un lavoro profondo.

Bisogna come prima cosa osservare il modo in cui gestiamo gli oggetti, soprattutto quelli di uso più comune.

Se ci tocca aprire ogni cassetto in cerca di oggetti finiti chissà dove nell’ansia del riordino, non abbiamo una casa in ordine.

Dobbiamo quindi abituarci con calma a scegliere un luogo per ogni oggetto. Dobbiamo ragionare per categorie. Quando finiamo di utilizzare qualcosa dobbiamo semplicemente metterla al suo posto. Solo così sapremo sempre dove si trova.

Nel fare questo cerchiamo di non avere fretta. Può essere utile partire da un locale della casa o da una categoria di oggetti. Spesso è necessario fare diverse prove. Per questo abbiamo parlato di un lavoro profondo e impegnativo.

Che necessita di costanza. Un lavoro che può però farci guadagnare spazi di casa che non immaginavamo di avere. Un lavoro che è il contrario di appoggiare le cose dove capita e rimandare al dopo la loro sistemazione.

L’arte del riordino

E’ un esercizio anche interiore. Per la mente e l’anima.

Quando il caos ci travolge può essere lo specchio di un malessere a livello interiore che si ripercuote dalla vita ai luoghi in cui viviamo.

L’attività del riordino non deve essere vissuta in modo stressante. Al contrario. Bisogna prendersi tutto il tempo necessario. Anzi non stabiliamo quando dobbiamo finire.

Facciamo diventare l’attività di riordino costante e metodica. Facciamola diventare un’arte: l’arte del riordino.

Se pratichiamo questa arte con dedizione e calma troveremo uno strumento contro lo stress e l’ansia. Un pizzico di ordine in più migliorerà anche la nostra organizzazione mentale.

Un po come quando con calma riordiniamo le foto delle nostra vita. O i ricordi dell’infanzia. Non li buttiamo in un angolo. Ma li trattiamo con cura e li ordiniamo in maniera logica. Magari usiamo la cronologia della nostra vita per ordinare le foto o gli oggetti legati ad eventi piacevoli. In modo da poterle recuperare quando vogliamo.

Lo stesso spirito deve essere applicato all’arte del riordino della casa.

Spesso abbiamo poco tempo ma non importa. Possiamo riordinare quando abbiamo tempo. Un poco alla volta. Senza dimenticare però di trovare un posto per ogni cosa e di rimetterla poi sempre li.

Possiamo anche imparare gradualmente il piacere che dona il riordino. Impararne a godere di un atteggiamento mentale che calma stress ed ansia, oltre a regalarci nuovi spazi di casa.

Non accumulare, non rimandare

Ovviamente la prima regola è quella di evitare di accumulare oggetti, quotidiani, riviste da leggere, post it, lavori incompiuti.

E’ un allenamento che ci aiuta anche nella vita. Ci aiuta a cercare di evitare di rimandare le nostre attività. Di lasciare in sospeso cosa da fare in attesa del momento giusto in cui avremo sufficiente calma per poterle concludere.

Potremmo imparare a non lasciare in standby la nostra vita. Non lasciarla in attesa delle nostre passioni e di quello a cui teniamo. Possiamo imparare a goderne adesso.

Fai selezione e butta il superfluo

Altro passo fondamentale dell’arte del riordino è fare una accurata selezione delle cose che ci legano al nostro passato. Dobbiamo imparare a tenere quelle importanti. Legate a momenti con un forte legame affettivo. Delle altre dobbiamo liberarci.

Non è sempre facile. Esiste infatti un vero e proprio senso di colpa che ci impedisce di disfarci delle nostre cose.

Spesso sono ricordi o piccoli oggetti senza una funzione precisa, che non sappiamo nemmeno dove posizionare. Tagliare con il passato fa paura.

Dobbiamo discriminare e scegliere. Guardiamoci intorno intorno e iniziamo ad affrontare gli oggetti di casa.

In molti casi ci imbattiamo in oggetti inutili che non hanno un grande legame affettivo con il passato. In fondo le persone che ci hanno regalato un oggetto continueranno ad essere presenti nelle nostre vite. Oggetti comprati in quella gita di montagna anche se eliminati non possono eliminare anche le foto di quella gita, né il ricordo.

Inoltre va considerato lo straordinario effetto a cui può portare il rinnovamento.

Buttare, eliminare la polvere del passato, liberarsi dalla pesantezza delle cose rimaste in sospeso crea vuoto. All’inizio ci sentiremo destabilizzati. Ma a questa reazione segue una profonda gratificazione: un circolo positivo in grado di aumentare piacere, leggerezza mentale, capacità creativa.

In fondo fare ordine è imparare a riappropriarci delle priorità che sentiamo importanti ora e di cui dobbiamo godere nel presente.

Quando impariamo a buttare liberiamo la casa (e la nostra vita) del superfluo e rendiamo gli ambienti più agili. Lo spazio diventa lo specchio di come ci sentiamo: più leggeri, vuoti, dinamici.

Il primo passo è capire che cosa utilizziamo davvero. Non importa ciò che consideriamo utile. Iniziamo a selezionare gli oggetti in base alla frequenza con cui li utilizziamo. Ecco come imparare a guardare gli oggetti con occhi nuovi.

Un poco tutti i giorni

Altra regola fondamentale. E’ inutile lasciare tutti in giro e poi dedicarsi alla giornata del grande riordino. Evitiamo il perfezionismo, ma impariamo ogni giorno a lasciare pulito ciò che usiamo. Questa semplice abitudine in poco tempo cambierà l’aspetto della casa e il nostro rapporto con le pulizie.

Per esempio le scatole ci possono aiutare a fare ordine in ogni stanza. Nella camera dei bambini utile un baule per i giocattoli o i mattoncini delle costruzioni. Mentre l’armadio acquista praticità suddividendolo in diversi contenitori o scoparti dove mettere i vestiti per le diverse stagioni. Creando una zona per lenzuola e coperte per il letto.

Dobbiamo rigorosamente evitare la scatola o il cassetto dove si mette tutto. Finirebbe per straripare oltre che risultare inutile. Diciamoci la verità avere un oggetto utile non serve se non sappiamo dove si trova.

Passiamo ai vestiti. Se amiamo cambiare abbinamento ogni giorno, invece di lasciare gli abiti in giro, usiamo uno stender o un servo muto. Ce ne sono di molto pratici con ottimi stili di design. Sono perfetti per trovare posto ai vestiti della settimana. Che una volta smessi potremo inserire nel cesto delle cose da lavare. In questo modo avremo una camera da letto più sgombra e gli abiti, appesi, avranno meno pieghe.

Per evitare l’invasione degli stendini facciamo partire la lavatrice appena torniamo dal lavoro e stendiamo prima di uscire di casa. Una volta asciutti pieghiamo subito i panni, dividendoli nei vari settori dell’armadio. In un cesto possiamo mettere le cose da stirare.

Ricordiamoci che molte tipologie di magliette e pantaloni se stessi bene non hanno alcun bisogno di stiratura. Se non abbiamo spazio appendiamo un sacchetto di tela nell’armadio dove infilare tutti i calzini e gli slip.

Occhio a ciò che ci serve

Ci conviene sempre tenere a portata di mano ciò che serve. Mentre dobbiamo mettere in disparte quello che non si usa. Ciò che ci serve spesso deve essere su su scaffali a vista, oppure in posti facilmente raggiungibili

Il resto va messo in cantina o nel ripostiglio. Se non abbiamo spazio per un ripostiglio possiamo chiudere un angolo con due ante di legno e aggiungere qualche mensola in modo da far spazio a detersivi e spugne.

Avere una casa ordinata è un piacere perché ci permette di avere più spazio, goderci comodità e un maggior comfort, trovare subito quello che ci serve. Alla fine vivere meglio.

Accorgimenti per guadagnare o risparmiare spazi nei vari locali

Di pari passo con l’arte del riordino va la capacità di guadagnare spazi di casa nei vari locali.

Ingresso

Deve essere funzionale per la famiglia e per essere utilizzato in modo rapido ed efficiente.

Strutturiamolo in modo che ci consenta di appendere cappotti e borse con facilità.

Per massimizzare lo spazio mettiamo una panchina dove togliere le scarpe e gli zaini dei bambini. Se non c’è molto spazio per la panchina si possono inserire delle scaffalature aperte per posizionare ciò che è utile contenere. Anche uno specchio che rifletta il resto della casa aumentando visivamente lo spazio.

Sfruttiamo una mensola o un portariviste per le nuove riviste e i quotidiani. Il fatto che siano di dimensioni ridotte ci costringerà a dedicarci alla lettura entro pochi giorni.

Se abbiamo un vano inutilizzato o un corridoio abbastanza ampio, ritagliamo idealmente una parte. Possiamo montare alcune mensole e utilizzare una tenda di modo da rendere invisibile il nuovo spazio, che potremo utilizzare come ripostiglio o per i vestiti.

Cucina

La cucina è l’altra stanza più frequentata di tutta la casa. Deve essere particolarmente funzionale. E’ possibile massimizzare lo spazio a livello verticale. Con scaffalature per la dispensa. Oppure con cassetti per i prodotti secchi e contenitori degli alimenti freschi. Utili sono anche i contenitori per la spazzatura, posti al di sotto dei lavelli, funzionali e adatti al cibo vecchio.

Le mensole possono salvarci dalla mancanza di spazio. Se il tavolo è vicino al muro costruiamo una nicchia ideale, fatta con differenti ripiani in legno oppure con un pannello in finta muratura. Utilizzando tanti barattoli o vasetti possiamo riporre le posate di uso comune, oltre a tisane e camomilla, la scatola dei biscotti e il cesto della frutta.

Ecco, tutti gli oggetti che utilizziamo di frequente straordinariamente a portata di mano senza creare disordine.

Altra soluzione un tavolino con le rotelle.

Ha una triplice funzione:

  • aiuta a tenere in ordine e a portata di mano gli oggetti di uso frequente
  • può servire da piano d’appoggio per cucinare
  • all’occorrenza si sposta velocemente in sala da pranzo, vicino al tavolo scelto per una cena con gli ospiti

Aggiungendo una scaletta in legno al lato del tavolo anche le mensole più in alto saranno raggiungibili: il tutto occupando il minimo spazio.

Diciamo sempre no al cassetto che contiene tutto e i tavoli pieni di barattoli. Suddividere e scomporre lo spazio disponibile in sezioni più piccole aiuta a contenere la tendenza al caos.

Stanza da bagno

La incontriamo per prima alla mattina ed è l’ultima nella quale si entra in tarda serata prima del sonno. Deve essere ben arredata.

Gli scaffali devono contenere tanti altri contenitori canestri da riempire. Anche sotto il lavandino o dietro la porta per ospitare i piccoli apparecchi elettrici di bellezza quando non sono in uso.

Si potrebbe anche pensare di inserire un armadietto che contenga il trucco, i pettini, le spazzole, i gioielli e dei contenitori anche per sciarpe e cinture.

L’arredamento del bagno spesso deve confrontarsi con spazi ristretti. Possiamo usare il design per massimizzare l’ambiente a nostra disposizione. Scegliamo linee curve e misure ridotte per i sanitari di nuova generazione. Che guadagnano centimetri e sono più facili da pulire.

Salotto

Anche per il salotto possiamo cercare dei metodi per ottimizzare e utilizzare al massimo gli spazi. In fondo è la stanza che più di ogni altra vede la presenza degli ospiti.

Sarà utile massimizzare gli spazi attraverso mobili multifunzionali che contengono accessori per i video. Oppure tavolini che hanno la possibilità di avere dei cassetti e degli scaffali in basso.

Camere dei bambini

Non sono solo per dormire. E’ utile che siano utilizzabili per studiare, giocare e sognare ad occhi aperti. Lo spazio deve essere arredato con mensole o bacheche per tenere tutto in modo ordinato e non avere nulla fuori posto, così da lasciare le scrivanie libere.

Camera da letto

Penso che ogni camera da letto dovrebbe essere un rifugio dal mondo e un luogo dove ci si può rilassare la sera e svegliarsi al mattino sereni ed energici.

Per ottimizzare questa stanza bisogna partire dall’organizzazione degli armadi. L’abbigliamento fuori stagione può essere organizzato all’interno di ceste o contenitori in plastica da inserire sotto il letto. Negli armadi si può organizzare ancora meglio lo spazio per separare gli abiti, gli accessori, le scarpe e altro ancora.

Per massimizzare lo spazio strutturiamo l’ambiente costruendo nicchie ideali. Da usare con ruoli differenti. Una libreria può aiutarti a creare due luoghi separati, da una parte, da dedicare al riposo, e dall’altra a un angolo lettura o studio.

Se i soffitti lo consentono valutiamo l’idea di un soppalco, con cui sfruttare la verticalità della stanza. Nella parte sottostante potremo inserire una scrivania o l’armadio dei vestiti.

Lavanderia

La zona dedicata alla lavanderia è davvero utile. Si può così evitare di avere i panni da asciugare sparpagliati in casa, sui caloriferi o nei corridoi di case che non posseggono balconi o spazi esterni per l’asciugatura degli indumenti e biancheria.

Anche qui lo spazio è organizzato grazie a mensole o tendini pieghevoli, armadietti per detersivi, zone per appendere abiti. Un luogo che può essere  adatto anche a stirare.

Garage

Sbagliato fare del garage un logo per la spazzatura. Per tutti i mobili obsoleti e che non vengono più utilizzati.

Deve invece essere dedicato a contenere detersivi per la pulizia dell’auto, strumenti e attrezzi da giardino, le decorazioni stagionali, e i bagagli. Per queste cose è utile una rastrelliera, mensole in alluminio o scaffalature.

Separare con eleganza

Separé e paraventi costituiscono una soluzione strategica per dividere gli ambienti con un pizzico di originalità. Sono meno impegnativi rispetto a una finta parete, sono flessibili e occupano poco spazio.

Strutture a vista

Non abbiamo un armadio? Costruiamolo a vista, sfruttando un’intera parete. Possiamo montare uno stender in metallo. Le strutture che di solito vediamo nei negozi, e appendere i vestiti su grucce.

La mattina avremo il colpo d’occhio sull’abbinamento perfetto da indossare nella giornata. Intorno allo stender costruiamo una struttura in legno. Sarà un posto comodo dove riporre accessori, sciarpe e magliette, oltre a essere utile per proteggere gli abiti dalla polvere.

Sopra, potremo aggiungere scatole con ciò che utilizziamo meno frequentemente. Ricordiamoci di etichettare ogni contenitore con un pezzo di scotch di carta: ci farà risparmiare tempo e energie.

Scalini che sorprendono

Gli scalini in legno che contengono cassetti segreti? La strategia perfetta per gestire due funzioni in un unico oggetto. Possiamo farli fare su misura o crearli noi, se ce la caviamo con il legno. Sotto il soppalco costituiranno un posto in più dove riporre asciugamani, lenzuola e borse.

Le scarpe

Sfruttiamo un angolo del bagno o in corridoio per posizionare una scarpiera. Ricordiamoci di sceglierla abbastanza ampia di modo che possa contenere il più possibile. Per trovare posto a stivali, infradito e scarpe più grosse riponiamoli in scatole di cartoncino, etichettate, da ordinare su una mensola.

Cosa abbiamo imparato

Nelle nostre case abbiamo sempre più bisogno di spazi nuovi. La premessa alla creazione di nuovi spazi nella casa è imparare l’arte del riordino.

E’ utile alla casa ma anche alla tua organizzazione mentale nella vita. Alleniamoci con calma a trovare un posto fisso per tutto.

Eliminiamo ciò che non è utile o non usiamo. Ha un potere di rigenerazione.

Ora possiamo passare a ricavare altri spazi nella casa. Ci sono tantissimi accorgimenti utili da mettere in pratica.

Tutto questo ci aiuta a vivere meglio.


Se clicchi sulle frasi sottolineate si apre un link
Prenota una visita pediatrica a domicilio

Lascia commenti ed idee sul post