Giocattoli: quali pericoli nascondono e come evitarli

E’ essenziale che i giocattoli siano sicuri. Il gioco è una dimensione fondamentale per i nostri bambini e non solo.

Giocattoli quali pericoli nascondono e come evitarli

Anche grazie a diversi tipi di giocattoli che contribuiscono a svolgere un ruolo importante nel processo di crescita dei bambini.

Bisogna stare quindi molto attenti. I giocattoli non devono essere rischiosi per la salute dei bambini, soprattutto dei più piccoli.

In Europa e il problema è regolato da una direttiva del 2009. Nel nostro Paese la legge nazionale che regolamenta i giocattoli (del 2011) si basa sulle linee guida fissate dalla Direttiva europea 2009/48.

Queste leggi impongono precise regole affinché tutti i giocattoli immessi sul mercato siano sicuri. Con chiare indicazioni relative all’età consigliata e ai prodotti utilizzati per realizzarli.

Discorso analogo vale per gli importatori. Dobbiamo ricordare che spesso sia fabbricanti che importatori lavorano con paesi del sud est asiatico dove la regolamentazione è molto meno severa che nell’Unione Europea.

La legislazione europea, anche in questo caso, garantisce che tutti i giocattoli venduti nei negozi europei soddisfino precisi criteri di sicurezza.

Nonostante questo al momento dell’acquisto dobbiamo porre particolare attenzione alla scelta.

Potenziali pericoli dei giocattoli

I potenziali pericoli per i bambini dei giocattoli sono diversi: vi può essere il rischio che contengano sostanze tossiche. Che possano causare soffocamento o danni all’udito. Oppure che siano contaminati con microrganismo tossici e pericolosi.

Rischio chimico

Nel processo di lavorazione dei giocattoli possono essere utilizzate sostanze chimiche tossiche ad una quantità superiore rispetto ai limiti stabiliti per legge.

L’elenco delle sostanze che superano, in svariati casi, i limiti legislativi, è molto lungo: si parla di ftalati, piombo, cadmio, antimonio, cromo VI.

Piombo

E’ un metallo pesante, invisibile, inodore e molto pericoloso. I bambini possono essere esposti a questo metallo semplicemente maneggiando il giocattolo o mettendolo in bocca.

Il piombo può essere presente in molti giocattoli, soprattutto quelli importati o antichi, nelle loro vernici e anche nella plastica. In cui viene usato per ammorbidirla e renderla più flessibile. Può dunque essere presente in giocattoli di plastica per rendere più stabili le molecole rispetto al calore.

L’assimilazione di tale metallo può avvenire per via cutanea, mucosa, per inalazione o tramite l’apparato digerente, se il giocattolo è piccolo e viene ingoiato.

Il rischio maggiore è per i giocattoli prodotti e venduti in Cina. Il 30% di bambole e bambolotti realizzati e messi in commercio nella Repubblica cinese contiene una dose massiccia di metalli pesanti, che rischiano di danneggiare gravemente la salute dei più piccoli.

Cadmio

Anche il cadmio è un metallo. Usato nelle vernici, sparso per evitare la corrosione delle parti metalliche. In altri casi, viene usato come pigmento di colorazione delle vernici. E’ presente anche nelle batterie.

Il cadmio a contatto con la saliva si scioglie e può venire ingerito. E un materiale tossico, può avere effetti dannosi sui reni oltre che provocare diarrea, nausea e vomito.

Sono tanti i giocattoli che possono contenere tracce di cadmio. Dalle macchinine metalliche, ai giochi in plastica o legno verniciati. Fino alla bigiotteria per bambine e alle pile al cadmio contenute in giocattoli, che diventano un pericolo quando il vano batterie è facilmente apribile da un bimbo.

Antimonio

Dal punto di vista chimico l’antimonio è un semimetallo. Spesso è utilizzato in lega con il piombo, ne aumenta notevolmente la durezza e la resistenza meccanica,

L’antimonio e molti dei suoi composti sono considerati tossici. Clinicamente l’avvelenamento da antimonio è molto simile a quello da arsenico. A piccole dosi provoca mal di testa e vertigini.

Cromo

Il cromo è un metallo duro, lucido, di colore grigio acciaio. Può essere facilmente lucidato, fonde con difficoltà ed è molto resistente alla corrosione. E’ molto utilizzato per smalti e vernici. Può essere contenuto in tutti i giocattoli verniciati.

Il cromo metallico e i composti del cromo trivalente non sono normalmente considerati pericolosi per la salute. Ma i composti del cromo esavalente (cromo VI) sono molto tossici se ingeriti.

La maggior parte dei composti del cromo esavalente sono irritanti per gli occhi, per la pelle e per le mucose. Un’esposizione cronica ad essi può causare danni permanenti agli occhi, se non adeguatamente curati.

Il cromo VI può causare:

  • Congiuntiviti e cheratocongiuntiviti croniche
  • Dermatiti irritative
  • Laringite cronica, bronchite, asma
  • Epatopatie e disturbi a carico del tratto gastrointestinale
  • Rinite ulcerativa

Ftalati

Gli ftalati sono prodotti chimici che vengono aggiunti alle materie plastiche per migliorare la flessibilità e la modellabilità.

Il loro utilizzo non è consentito a concentrazioni superiori allo 0,1%, né nei giocattoli, né negli articoli destinati all’infanzia. Il motivo della restrizione è dovuto al pericolo di esposizione che può derivare dal masticare o succhiare per lunghi periodi di tempo oggetti che contengono ftalati.

La letteratura medica conferma che la classe degli ftalati provoca danni alla salute quali lesioni al fegato e ai reni.

Anomalie del sistema riproduttivo compresa l’atrofia testicolare e la riduzione della produzione spermatica. Alterazione cellulare, tumori epatici e renali e leucemia.

Gli ftalati sono presenti soprattutto nei giocattoli di fabbricazione cinese.

Si è parlato diffusamente della presenza di ftalati nelle maschere di carnevale, ma molti altri articoli sono soggetti a questo rischio. Possiamo trovarli anche nelle bambole da vestire con abiti scintillanti, nei teneri bambolotti da accudire.

Nelle bambole, concentrazioni variabili di ftalati sono anche presenti nelle braccia e nelle gambe. Si tratta di parti che, durante il gioco, possono venire facilmente a contatto con la bocca delle bambine.

Anche rettili, insetti o, addirittura, innocui animali da fattoria, possono diventare pericolosi, quando contengono ftalati.

Non sono immuni da questo tipo di rischio neanche i giochi da spiaggia, dai braccioli al coccodrillo gonfiabile o i giochi per il bagnetto.

Anche gli articoli di cartoleria per la scuola, accattivanti, colorati, profumati, possono contenere ftalati: matite, pennarelli, plastilina colorata, gomme per cancellare, zainetti, astucci etc.

Un’ulteriore categoria di prodotti a rischio ftalati, con i quali i bambini possono venire facilmente a contatto è costituita dalle cosiddette attrazioni gonfiabili. Questi ricadono comunque pienamente nella definizione di giocattoli.

Rischio inalazione

Un importante rischio, nei bambini al di sotto dei tre anni, è quello degli oggetti che potrebbero essere causa di soffocamento. Per la possibilità di giochi in cui alcune piccole parti si stacchino e possano essere ingerite.

La famiglia dei giochi con magneti, soprattutto se piccoli, è particolarmente pericolosa. Questi possono causare gravi problemi se ingeriti o inalati.

Il problema è che i magneti montati all’interno dei giochi di oggi sono molto potenti. Se ingeriti, per esempio, possono creare problemi agli organi interni, avvelenamento del sangue e, nella peggiore delle ipotesi, anche la morte.

Danni all’udito

Altro gruppo di giocattoli che mettono a repentaglio la salute del bambino sono quelli che colpiscono l’udito dei bambini. Che producono decibel sopra alla media consigliata e che spesso i piccoli giocatori tengono accesi a lungo, avvicinandoli magari troppo alle orecchie.

A causa dell’eccessivo rumore prodotto da certi giochi anche elettrici, con decibel molto alti, circa il 15% dei bambini tra i 6 e i 17 anni ha accusato una diminuzione dell’udito. Questi dati sono stati pubblicati in uno studio pubblicato sul Journal of the American medical association.

L’esposizione non protetta a suoni al di sopra di 85 decibel per un periodo prolungato può causare danni all’udito.

Due fattori contribuiscono a questo: l’intensità e la durata. Più un suono è forte, meno tempo ci vuole per causare la perdita dell’udito.

Quando si acquista un giocattolo rumoroso per un bambino bisogna prestare attenzione a dove esce il suono. In basso è spesso meglio che in alto.

Quando si comprano giocattoli che producono suoni è sempre meglio che l’adulto usi prima il giocattolo e ascolti il suono. Se fa male alle orecchie allora probabilmente il suono è troppo forte per un bambino.

Rischio microbiologico

Quando parliamo di rischio microbiologico, parliamo della potenziale presenza di microrganismi che inquinano il giocattolo e possono essere trasmessi al bambino.

L’esposizione può avvenire per ingestione, contatto con pelle, occhi e mucose attraverso orecchie e naso, come vie di accesso all’interno dell’organismo del bambino.

L’inquinamento microbiologico riguarda soprattutto giocattoli contenenti mezzi acquosi, semi liquidi, gelatinosi.

L’esempio più caratteristico è quello dell’acqua contaminata da batteri contenuta nelle bolle di sapone, uno dei giocattoli più frequentemente ritirati dal mercato italiano.

Verifica e ritiro dal commercio

In tutta europa e in Italia i giocattoli di provenienza non chiara o sospetta vengono testati dai vari corpi di polizia. Secondo i dati riportati dal Ministero della Salute, in Italia i giocattoli ritirati perché non conformi rappresentano il 28 per cento del totale.

Nonostante questa azione costante di controllo,verifica, sanzione e ritiro dal commercio è importante porre particolare attenzione ai momento dell’acquisto dei giocattoli.

Come scegliere i giocattoli per i bambini

I giocattoli vanno scelti sempre con estrema cura soprattutto per i più piccoli.

Cercando sempre di proporre dei giocattoli che siano stati appositamente pensati per loro. Ancora non li sanno maneggiare bene e possono incappare in diversi rischi e pericoli che non dobbiamo mai sottovalutare quando andiamo a comprare un giocattolo per un bambino, soprattutto se piccolo.

Per garantire che i giocattoli diano ai vostri bambini la migliore esperienza possibile val la pena di seguire sempre alcuni consigli di sicurezza.

Comprate sempre giocattoli con il marchio dell’Unione Europea, con particolare attenzione alle contraffazioni.

Nonostante il marchio CE non sia direttamente una guida per il consumatore è comunque segno che il produttore si impegna a soddisfare tutte le norme di sicurezza dell’Unione europea, che sono tra le più rigorose al mondo.

Leggete sempre bene le etichette per capire tutte le avvertenze e le istruzioni, come è stato fatto il gioco e dove è stato confezionato. Seguire attentamente eventuali istruzioni per montare ed usare correttamente il giocattolo. Conservate con cura le istruzioni e le informazioni contenute nella confezione.

Allontaniamo tutti gli imballaggi e assicuriamoci che i bambini non giochino con imballaggi costituiti da fogli in plastica che potrebbero causare soffocamento.

Negozi sicuri

Meglio acquistare i giocattoli in negozi e canali di vendita sicuri e certificati. Questi prestano particolare attenzione alla scelta degli articoli che rivendono e accetteranno eventuali restituzioni.

Non fatevi abbindolare da prezzi bassissimi, che possono celare oggetti potenzialmente pericolosi. I rivenditori non affidabili ignorano le prescrizioni in tema di salute e sicurezza e potrebbero commerciare prodotti contraffatti.

Occorre accertarsi dell’affidabilità dei giocattoli comprati online, di quelli che vengono regalati ai vostri bambini e di quelli di seconda mano.

Giocattoli adatti all’età del bambino

Bisogna sempre scegliere giocattoli adatti all’età, alle abilità e alle capacità del bambinoI giocattoli non adatti all’età del bambino possono essere pericolosi per la sua salute.

Seguire accuratamente le indicazioni relative all’età,in particolare il simbolo 0-3 e l’avvertenza “non adatto ai bambini di età inferiore a 36 mesi”, accompagnati dall’indicazione di pericolo.

Evitate giocattoli che contengono parti piccole che si possono staccare per i bambini al di sotto dei tre anni di età. Queste potrebbero venir mangiate e potrebbero causare soffocamento.

Acquistate sempre giochi che possano stimolare la loro creatività. Preferiamo giochi morbidi per i neonati. Acquistiamo, se è possibile, giocattoli in materiali naturali. I giochi in legno sono gettonatissimi, molto meglio della plastica.

Controlliamo sempre che le confezioni siano integre e che anche il gioco lo sia: se è scheggiato o rovinato, riportiamolo al negozio.

Controlliamoli mentre giocano

Dobbiamo tenere d’occhio i bambini mentre giocano. Dobbiamo accertarsi che i giocattoli siano impiegati come dovrebbero e che siano adatti all’età e alle capacità del bambino.

Se possiamo stiamo con loro, sia per vigilare il gioco sia per aiutarli a manipolare i giocattoli, interagendo con loro. Impareranno più in fretta.

Quando vengono utilizzati certi tipi di giocattoli, come scooter, pattini a rotelle e biciclette, dovrebbero sempre essere indossati il casco e altri equipaggiamenti di sicurezza.

Controllo periodico dei giocattoli

Controlliamo di quando in quando i giocattoli dei vostri bambini. Per assicurarci che il logorio non determini un rischio di ferite o conseguenze per la salute e per la sicurezza del bambino. Eliminiamo immediatamente i giocattoli danneggiati.

Insegnamo ai bambini a mettere via i propri giocattoli per evitare incidenti. Non lasciamo giocattoli sulle scale o sul pavimento in zone della casa molto frequentate.

Siti utili

Possiamo consultare il sito dell’Unione Europea RAPEX (Rapid alert system for non food consumer products) http://ec.europa.eu/rapex.

Oppure la sezione del sito del ministero della salute dedicata ai prodotti e giocattoli ritirati dal mercato perché poco sicuri: la trovate qui.

E’ possibile effettuare una ricerca degli articoli pericolosi in Italia tramite una combinazione di Anno notifica, Tipologia notifica e Categoria prodotto. Si seleziona in uno degli appositi campi il valore da ricercare e si preme il relativo pulsante “Ricerca”.

Per qualsiasi dubbio in merito alla sicurezza dei giocattoli rivolgersi sempre al produttore, al rivenditore o all’autorità pubblica di competenza.

Cosa abbiamo imparato

I giocattoli sono fondamentali per la crescita dei nostri bambini. Devono però essere sicuri.

I rischi per la salute dei bambini, che passano dai giocattoli, sono diversi.

Nei giocattoli vi possono essere numerose sostanze chimiche tossiche perchè contenute ad un livello superiore a quello ritenuto di sicurezza. I giocattoli musicali e sonori possono danneggiare l’udito dei bambini.

Le piccole parti di giocattoli possono causare soffocamento sotto i tre anni di vita, se ingeriti. Alcuni giocattoli possono essere portatori di batteri pericolosi.

Tutti i giocattoli venduti nella comunità europea sono sottoposti a rigide regole che devono essere rispettate dai rivenditori e dai produttori. Nonostante questo spesso molti giocattoli sono sequestrati perché potenzialmente pericolosi.

Dobbiamo quindi fare particolarmente attenzione quando acquistiamo un nuovo giocattolo per i nostri bambini. Seguire alcuni consigli che possiamo considerare fondamentali per la loro salute e sicurezza. Per evitare che da un giocattolo possano arrivare spiacevoli sorprese.


Se clicchi sulle frasi sottolineate si apre un link.

Lascia commenti ed idee sul post