Gastroenterite: ecco cosa fare

La gastroenterite è un infezione che provoca vomito, dolori addominali, diarrea acquosa e febbre.

Gastroenterite ecco cosa fare

Un’influenza che colpisce lo stomaco e l’intestino: vediamo come comportarci e cosa fare.

In età pediatrica sono frequenti e si diffondono rapidamente negli ambienti in cui i bimbi vivono a stretto contatto, come asili o scuole. In generale sono più frequenti fino ai 5 – 6 anni e diventano più rare quando si sviluppa e si consolida il sistema immunitario.

Quasi sempre la causa è virale: tra i maggiori responsabili, il rotavirus e il norovirus. Le infezioni da rotavirus sono più frequenti da novembre ad aprile e si diffondono molto rapidamente.

Il rotavirus può contagiare anche gli adulti che vivono a contatto con i bambini infetti, ma i sintomi sono spesso di lieve entità.

Le forme virali durano circa 8-9 giorni con una graduale miglioramento della sintomatologia.

La maggior parte delle gastroenteriti virali si risolve senza alcun trattamento specifico.

È importante, nel periodo acuto, garantire ai bimbi un buon introito di liquidi per compensare le perdite che si verificano con il vomito e la diarrea. Ee il bambino li gradisce devono essere utilizzati integratori di sali minerali. Si solito in bustina o in bricchi già sciolti nell’acqua.

Gli antibiotici non hanno alcuna efficacia contro le infezioni virali. Solo occasionalmente possono essere necessari farmaci per contenere il vomito o per il dolore addominale. Devono essere sempre e solo prescritti dal vostro pediatra di fiducia.

Quanto al modo per evitare il diffondersi delle infezioni intestinali, basta seguire semplici precauzioni dettate dal buonsenso.

La misura più efficace è far lavare le mani ai bimbi in maniera accurata, più volte nell’arco della giornata, specie nelle ore di frequenza dell’asilo durante le quali il contatto tra i bimbi (basti pensare alle dita in bocca e all’abitudine di prendere per mano i propri compagni) è molto elevato.

Inoltre, quando vengono segnalati i primi episodi di gastroenterite si dovrebbero rafforzare le solite misure igienico-sanitarie e limitare al massimo la condivisione di stoviglie, evitando che bevano dallo stesso bicchiere o usino lo stesso tovagliolo.

Come dobbiamo comportarci quando il nostro bambino si ammala di gastroentrite:

  • quando il vostro bambino vomito per almeno due ore non somministrare nulla per bocca anche se il piccolo chiede insistentemente acqua. Altrimenti il rischio di un nuovo episodio di vomito è molto alto.
  • passate le due ore ricominciare l’idratazione a piccoli sorsi con un cucchiaino da caffè ogni minuti. Non insistere mai altrimenti il piccolo potrebbe vomitare.
  • utilizzare soluzioni o bustine con sali reidratanti da sciogliere in acqua, se il piccolo li rifiuta va bene anche la sola acqua.
  • dopo che il bimbo non vomita più per 4 ore reintroducete la dieta che stava facendo in precedenza.
  • con l’alimentazione il piccolo non va mai forzato.
  • se allattato al seno l’allattamento non va sospeso.
  • come farmaci utilizzate solo paracetamolo in caso di febbre superiore ai 38,5 °C.
  • non utilizzate antibiotici.

Nel caso in cui il bambino sia piccolo (sotto i tre mesi di vita) oppure presenti numerosi vomiti, soprattutto se associati a febbre e/o a diarrea per il rischio della disidratazione il piccolo va condotto al pronto soccorso pediatrico più vicino.

Non preoccupatevi se per qualche giorno il bambino mangia poco: l’importante é che assuma liquidi.

Le gastroenteriti generalmente si autorisolvono nel giro di 7-8 giorni, con una graduale scomparsa della sintomatologia.


Se hai trovato interessante questo articolo condividilo oppure

Lascia commenti ed idee sul post