Malattie reumatiche: frequenti anche nei bambini

Contrariamente a quanto si è portati a credere, le malattie reumatiche sono frequenti anche in età pediatrica.

Malattie reumatiche frequenti anche nei bambini

Sono infatti in media 10.000 i bambini che ogni anno sono colpiti da una malattia reumatica.

“Semplicemente…guardarli” è l’invito di APMAR, Associazione Persone con Malattie Reumatiche, delle Organizzazioni del mondo pediatrico (SIP – Società Italiana di Pediatria, FIMP – Federazione Italiana Medici Pediatri e SiMPeF –  Sindacato Medici Pediatri di Famiglia) che hanno condiviso l’appello a saper guardare e a superare il pregiudizio che porta ad escludere nei bambini, perché considerate malattie dei vecchi, le malattie reumatiche.

Spesso infatti la diagnosi è assai tardiva proprio perché non vi è una adeguata conoscenza del problema.

Per brevità si chiamano malattie reumatologiche, al plurale proprio perché sono tante: la forma più diffusa è l’artrite idiopatica giovanile, segue il lupus eritematoso sistemico, la dermatomiosite giovanile, la sclerodermia, la spondiloartropatia giovanile, la malattia di Kawasaki, la vasculite sistemica primaria giovanile, la poliartrite nodosa, e tante altre ancora.

Per alcune ci sono cure riconosciute, per altre, come la sclerodermia, non esistono ancora terapie adeguate. Ma il primo passo è rappresentato sempre dalla diagnosi senza la quale ogni sforzo è vano.

Le malattie reumatologiche sono tutte caratterizzate da infiammazione cronica che progressivamente danneggia il tessuto bersaglio diminuendone la funzionalità.

Negli ultimi 20 anni le conoscenze dei meccanismi che portano a questa infiammazione cronica sono aumentate in maniera esponenziale. Sono state identificate le cellule e le molecole che orchestrano l’infiammazione articolare, che si è scoperto non sono uguali fra le diverse forme di artrite o più in generale fra diverse malattie reumatologiche.

Queste molecole e queste cellule sono diventate bersaglio di farmaci intelligenti, i cosiddetti biotecnologici, che neutralizzano in maniera specifica il singolo mediatore o la singola cellula. L’applicazione delle nuove terapie sta modificando la storia naturale di queste malattie.

Rispetto anche a solo 10 anni fa, l’assenza di segni e sintomi di malattia e la normale qualità di vita sono adesso obbiettivi raggiungibili in una grande percentuale dei bambini. La sensibilità per una diagnosi rapida e ad una corretta applicazione delle terapie più moderne sono prerequisiti essenziali per il raggiungimento di questi obiettivi.

Le malattie reumatologiche nell’età evolutiva hanno caratteristiche molto diverse dall’età adulta e richiedono quindi competenze specifiche pediatriche.

Il bambino con malattia reumatologica viene spesso identificato dal pediatra, ma richiede poi l’intervento del reumatologo pediatra per la definizione diagnostica e la corretta terapia.

In Italia negli ultimi anni i bambini con necessità assistenziali per patologie croniche e/o complesse sono aumentati significativamente di numero e richiedono un approccio multidisciplinare, specialistico pediatrico e che coinvolge diverse professionalità.

Non di rado i bambini con patologie reumatologiche hanno una qualità di vita che risente delle limitazioni imposte dalla malattia e richiedono un supporto e un coinvolgimento non solo sanitario, ma di tutti coloro che interagiscono, a diverso titolo, con i bambini,  in particolare la scuola, ma anche nello sport.


Se clicchi sulle frasi azzurre sottolineate si apre un link.
Se hai trovato interessante questo articolo condividilo oppure

Lascia commenti ed idee sul post